"<\/a>
\n
<\/i><\/a><\/div>\n
\n \n \n \n \n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/path>\n <\/g>\n <\/svg>\n <\/i>\n
Fridays For Future \u2022 Italia<\/span><\/a><\/div>\n\n\n\n
<\/div>\n<\/a>\n
\ud83d\udce3<\/b><\/i> Facciamo un po' di nomi.\ud83d\uddfa<\/b><\/i>La cartina che vedete sopra non ha le dimensioni proporzionate all'area del paese, ma rispetto alle emissioni di CO2 emesse tra il 1850 e il 2011: pi\u00f9 emetti pi\u00f9 sei grande.\ud83c\uddee\ud83c\uddf9<\/b><\/i>L'italia \u00e8 pi\u00f9 grossa del normale... (e anche pi\u00f9 grossa di molti paesi).Infatti le emissioni contate sono quelle delle aziende con sede nei vari paesi: noi abbiamo la \u201cfortuna\u201d di avere una grande azienda come Eni proprio sul nostro territorio, che ricordiamo \u00e8 per il 30% a partecipazione statale!\u26a0\ufe0f<\/b><\/i>Eni infatti si classifica 30\u00b0 tra le aziende pi\u00f9 inquinanti del mondo.\u2753<\/b><\/i>Forse \u00e8 arrivato il momento di fare qualcosa\u2753<\/b><\/i>\ud83d\udcdd<\/b><\/i>Fonti:The Carbon Majors Database<\/a>#FridaysForFuture<\/a> #ciavveleni<\/a><\/div>\n\n