Ripensare il sistema agroalimentare

Due crisi, una soluzione!

Ripensare il sistema agroalimentare

Promuovere la transizione verso un’agricoltura che salvaguardi i suoli e gli ecosistemi e che sia più sostenibile a livello climatico.

Attualmente oltre un terzo del bilancio UE finanzia sussidi agricoli nell’ambito della PAC: questo denaro pubblico deve essere trasferito per finanziare lo sviluppo di  un’agricoltura più sostenibile nei vari Paesi. È fondamentale che il governo promuova il passaggio a un sistema alimentare meno impattante, più locale, più trasparente e a base principalmente vegetale, disincentivando il consumo dei prodotti di origine animale e favorendo la riconversione delle aziende e il ricollocamento dei lavoratori e delle lavoratrici. E’ inoltre fondamentale lottare contro lo spreco alimentare, che in Italia ammonta a 1.6 mln di tonnellate di alimenti ogni anno (equivalenti a 15 mld di euro). È infine vitale abbattere tutte quelle piaghe che caratterizzano il nostro sistema produttivo alimentare, a partire dal caporalato, una vera e propria forma di sfruttamento, continuando con il sovrautilizzo e l’inquinamento idrico, l’eutrofizzazione, la deforestazione e l’uso non sostenibile dei suoli.

Ritorno al Futuro
Scopri la campagna

Clicca qui sotto per leggere tutti gli altri punti della campagna di rinascita post-Covid. Il nostro obiettivo è quello di rilanciare l’economia puntando sula transizione ecologica, per risolvere in questo modo sia la crisi economica che quella climatica!